Boudoir: una stanza da letto privata di una signora, un salotto o uno spogliatoio, di moda nel XIII secolo.

Così Wikipedia definisce il boudoir, non riferendosi al genere fotografico, ma alla pura e mera location, all’ambiente in cui le dame del XIII secolo trovano la loro privacy, intimità.

Intimità: credo sia una delle parole chiave di questo tipo di fotografia. Un ambiente piccolo, come la camera da letto o un salottino… non un sterile studio fotografico, una fabbrica abbandonata o un boschetto di periferia. Intimità e sensualità in un ambiente che protegge, familiare (con i limiti del caso, ovviamente).

In queste foto (qui la gallery completa) la stanza da letto è la mia (tenuta più in ordine del solito…) e Francesca è la modella con cui ho deciso di “sperimentare” con questo per me nuovo genere fotografico, la fotografia boudoir appunto. Una ricerca appropriata su flikr o su youtube permette di farsi un idea chiara di quali tipi di foto possano venir considerate come boudoir, occhio ovviamente agli “intrusi”, foto taggate come boudoir ma che con questo genere non hanno nulla a che fare.

Fotografia Boudoir

Fotografia Boudoir

Il boudoir è un genere che trovo molto intrigante, non scontato e banale, in cui l’obiettivo non è quello di mostrare un corpo nudo o “conciato” con abitini trasparenti: le immagini devono trasmettere sensualità, tenendo a distanza la volgarità che certe pose e atteggiamenti possono far nascere.

Sicuramente Francesca in questo è di fondamentale aiuto: una modella con le idee chiare,  che sa come muoversi e come atteggiarsi.

Uso una attrezzatura minimal: la Nikon 610 con su il 50mm Nikon 1.7. Tengo il diaframma sempre aperto al max, voglio lo sfocato (di sicuro non mi interessa che si vedano bene i libri sulla mensola o l’abat jour low cost del Mercatone..).

Illuminazione gentilmente fornita dal Metz che fisso su uno stativo.Il classico ombrellino bianco diffonderà la luce.  Fine del setup, niente di complicato.

Il 50mm con il diaframma aperto al massimo permette di catturare la luce ambiente (questa serie è stata fatta quando il sole ormai era tramontato),

Quello che sicuramente si può migliorare è l’aspetto dell’ambiente: candele accese, tendaggi, quadri, specchi… largo alla fantasia!

Qui le mie fotografie fatte durante questo shooting, mentre qui il sito di Francesca.

 

About the author